L’importanza di rivolgersi ad un dietologo

Mantenere la linea, o avere un peso forma quanto meno accettabile, oggi giorno accumana sempre più persone. Ci sono coloro che seguono un alimentazione sana e pulita per eliminare i chili di troppo e per stare bene con se stessi, ma ci sono anche coloro che sono “costretti” per ragioni di salute.

Seguire una particolare e specifica dieta per dimagrire, significa rivolgersi per forza di cose ad un esperto, come un dietologo. Questa importante figura professionale deve essere consultata da soggetti obesi, da coloro che sono leggermente in sovrappeso, ma anche da coloro che hanno problemi relativi al metabolismo, sia esso troppo lento, sia esso troppo veloce. Ragion per cui, intraprendere un percorso volto a modificare il proprio corpo, ad eliminare i chili in esubero e regolarizzare il proprio metabolismo, è di norma e di fondamentale importanza recarsi da un dietologo.

Rivolgersi ad una figura esperta, ma soprattutto qualificata, come il dietologo serve ad evitare di consultare e prendere spunto da ricette e diete pescate in rete. Infatti, nell’era di internet e dei social, sono davvero centinaia le persone che a cercare, e successivamente a seguire, metodi dimagranti senza fondamento “scientifico”. Tantissime sono le diete fai da te che assicurano, a loro dire, un dimagrimento veloce e senza fatica alcuna.

Questi metodi non sono dal punto di vista alimentare molto equilibrati, e rischiano solo di causare danni e provocare problemi di salute, come riportato in questo articolo sui rischi delle diete fai da te. Non è un caso che le persone che soffrono di diabete, ipertensione, sbalzi metabolici o patologie tiroidali, debbano per forza di cose rivolgersi ad un dietologo, che più di ogni altra figura professionale saprà indicare loro gli alimenti e il corretto apporto calorico giornaliero. Inoltre, non esistono diete senza fatica, in quanto ad una sana e corretta alimentazione va abbianata la quantità giusta di attività fisica al fine di aumentare il dimarimento in modo naturale e corretto, e più in generale migliorare lo stato di salute fisica.

Un dietologo, difatti, in base alla tipologia di paziente e alla tipologia di caso, saprà innanzitutto valutare la situazione clinica della persone, e solo in base a quello presciverà una dieta da seguire gradualmente. Proprio il fattore della gradualità è importante per abituare il proprio metabolismo a smaltire il peso in eccesso, ma anche a contenerlo una volta raggiunto il proprio peso forma. Questo è uno dei tanti motivi per il quale rivolgersi ad un dietologo è la regola e non l’eccezione. Le persone che intraprendono un percorso di dieta fai da te, riferiscono che non appena ritornano ad alimentazione normale, i chili ritornano giorno dopo giorno. Questo perchè non solo non si è rispettato il periodo transitorio per abituare l’organismo e il metabolismo al cambiamento, ma assumere troppe poche calorie al giorno non fa altro che provocare shock calorici. In molti di questi casi, spesso il peso che si riprende è superiore anche a quello perso.

Va anche sottolineato che l’importanza del dietologo non risiene solo nella prescrizione di una dieta, ma anche per il più importante miglioramento delle abitudini da tenere a tavola. Il dietologo in un certo senso insegna a mangiare bene e a gestire il rapporto del paziente con il cibo. E qualora si volesse intraprendere uno stile di vita e un regime alimentare non proprio consuetudinario, quali alimentazioni vegane o vegetariene, solo una figura esperta come il dietologo potrà indirizzare il paziente nel miglior modo possibile per eliminare i chili in eccesso. E’ risaputo, infatti, che questi particolari regimi alimentari escludono dalla propria dieta carne, e derivati, o pesce, e necessario, quindi, integrare le vitamine o le proteine derivanti da questi alimenti con prodotti completamente vegetali e naturali. Questo vale per un regime vegetariano, ma vale anche per le donne in gravidanza, o per coloro che praticano sport a livelli agonistici. Moltissimi sportivi si rivolgono al dietologo per abbinare correttamente il livello di attività fisica con i piaceri della tavola. In casi come questo, un dietologo in base al tipo di attività agonistica praticata consiglierà i modi, i tempi e le quantità di calore da assumere durante il giorno, prima e dopo un allenamento, o prima e dopo una gara sportiva.

A differenza dei metodi, spesso pubblicizzati in tv, su internet, e anche sui libri, il miglior metodo dimagrante è quello dedicato e personale, valutato e prescritto da un dietologo. Quest’ultimo non farà altro che parlare con il paziente. Il colloquio che si ha tra un dietologo e un paziente con un problema di obesità o di sovrappeso, è volto a conoscere innanzitutto le abitudini alimentari, le cose che piacciono di più, quelle che piacciono di meno. Non solo, sarà premura del dietologo indagare anche sull’attività lavorativa svolta dal paziente, la sua propensione a fare sport, o se ci sono problemi che ne impediscono il movimento (sedentarietà lavorativa, pigrizia, problemi agli arti). Inoltre, eliminerà dalla dieta tutti gli alimenti che possono arrecare danno in presenza di una patologia allergica. Soprattutto, andrà a valutare attraverso gli strumenti di misurazione il peso effettivo, il livello della massa grassa e quella muscolare del paziente.

Ecco, in base a tutti questi fattori, il dietologo sarà in grado di prescrivere una dieta corretta che, se seguita meticolosamente, consente al paziente di giungere, poco per volta, ai risultati sperati. Dividerà la dieta in vari step, o passaggi, con degli obiettivi mensili da raggiungere. La prima fase della dieta potrà sembrare più drastica, ma è anche quella che fa smaltire subito i chili in esubero. Successivamente, giunti al quantitativo esatto di peso perso, non farà altro che associare per il paziente una dieta di stabilizzazione e poi volta al mantenimento del peso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *